Settore siderurgico: la ripresa dell’acciaio italiano

Crescono le acciaierie italiane, leader in Europa e nel mondo

2 min

L’acciaio in Italia ha una lunga tradizione industriale, caratterizzata dall’eccellenza e dalla flessibilità tipica del made in Italy. Questo ha consentito alle imprese italiane di mostrare grande resilienza di fronte alle sfide poste dai colossi internazionali - con capacità produttive enormemente più elevate - e ai cambiamenti del mercato legati alle diverse modalità di utilizzo dell’acciaio nei paesi ad economie avanzate rispetto alle economie emergenti.

Per questo la siderurgia italiana mantiene un ruolo di primo piano nel contesto economico nazionale ed europeo, essendo la seconda potenza produttiva a livello continentale e la decima a livello mondiale. Il 2017 è stato un anno positivo per l’industria italiana, che ha visto il nostro paese tornare nella top ten mondiale del settore, grazie ad una produzione che ha superato i 24 milioni di tonnellate, un livello che non si vedeva ormai da quattro anni.

Il downstream del nostro Paese (laminazioni, trasformazioni e finiture) e le fonderie sono addirittura al primo posto a livello europeo, in un testa a testa con quelle tedesche.

Nel comparto dei lunghi e dei prodotti di prima trasformazione (tubi saldati e senza saldature, filo trafilato e fucinati), poi, l’Italia rimane uno dei leader europei.

 

Compila il form sottostante per ricevere la versione completa del report "Il settore siderurgico italiano"