Brexit: nel 2020 non ci aspettiamo un accordo commerciale tra Regno Unito e UE

5 min

Il 31 gennaio è il giorno della Brexit, che darà inizio ad un periodo di transizione durante il quale continueranno ad applicarsi la libera circolazione di capitali, merci, persone e servizi all’interno dell’Unione Europea.

Dopo essere stato ratificato dal Parlamento britannico, l'accordo sulla Brexit è stato approvato dal Parlamento europeo il 29 gennaio. Pertanto, il 31 gennaio alle 23:00 locali il Regno Unito sarà fuori dall'UE, e di conseguenza non più parte delle istituzioni e dei processi decisionali europei in Europa. Tuttavia, durante il periodo di transizione che dovrebbe durare fino al 31 dicembre 2020, dovrà ancora seguire le norme europee, con il vantaggio di poter continuare a commerciare liberamente nell’area durante questa fase. Questa prima pietra miliare del lungo processo della Brexit sicuramente contribuirà a ridurre l'incertezza, ma non la elimina completamente, vista l'apertura del prossimo ciclo di negoziati sul nuovo accordo commerciale con l'UE. Inoltre, il Regno Unito dovrà rinegoziare più di 50 accordi di libero scambio che l'UE ha stipulato con Paesi terzi.

Inoltre, un accordo commerciale con l'UE entro giugno 2020 sembra improbabile, e questo aprirà la strada a un periodo di transizione più lungo.

Guardando il calendario (v. Figura 1), prevediamo che il dibattito si sposterà presto sui rischi di una situazione da "nessun accordo commerciale" alla fine del 2020.

Figura 1 – La Road Map della Brexit nel 2020

 

Anche se il Primo Ministro Boris Johnson non vuole estendere il periodo di transizione oltre la data stabilita nella legge del Regno Unito, riteniamo che ci sia un'alta probabilità che alla fine sarà costretto a farlo. In effetti, la Commissione europea rimane scettica sulla capacità di entrambe le parti di negoziare un "nuovo accordo globale" dal vertice europeo del 18-19 giugno, che includerebbe beni e prodotti agricoli, e servizi, rimanendo vincolate alle richieste dell'UE in termini di norme sociali e ambientali, aiuti di Stato, controllo delle frodi e norme sul lavoro. A nostro avviso, il test più impegnativo rimane la messa a punto dei controlli doganali nel Mare d'Irlanda. Inoltre, i servizi finanziari perderebbero i diritti di passaporto e pertanto necessiterebbero di uno status equivalente prodotto per prodotto. I negoziati inizieranno ufficialmente il 1 ° marzo e i dettagli tecnici non sono ancora chiaramente indicati nella Dichiarazione Politica, né nell'Accordo di recesso. Nel confrontare quest'ultimo con l'accordo economico e commerciale globale (CETA) tra UE e Canada, ad esempio, manca ancora di parole concrete come "settori", "industriale", "servizi finanziari", "imprese", "accesso al mercato"

Figura 2 - Parole più utilizzate nell'accordo CETA rispetto alla Dichiarazione politica e all'Accordo di Recesso del Regno Unito

A nostro avviso, il rischio di "nessun accordo commerciale" alla fine del 2020 ha ora una probabilità del 15%, rispetto al 30% nel 2019.

Prevediamo che la crescita del PIL del Regno Unito scenderà al + 0,6% nel 2020 (da + 1,0% nello scenario di base) prima di una recessione nel 2021 (-0,6% contro + 1,6% nello scenario di base, vedere la Figura 3) qualora ci fosse una Hard Brexit, vale a dire il ritorno alle regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) entro il 31 dicembre 2020.

Figura 3 - Previsioni a lungo termine economiche e finanziarie del Regno Unito

Ciò implicherebbe un dazio medio all'importazione del 5% sulle merci importate dall'UE e dal resto del mondo. Pensiamo che ci sia una probabilità molto piccola per il Regno Unito di essere in grado di replicare alcuni degli Accordi di Libero Scambio dell'UE già in atto (Australia, Canada) già alla fine di quest'anno o di negoziarne di nuovi (con gli Stati Uniti, ad esempio). L'UE applica una tariffa media di circa il 9% alle importazioni dagli Stati Uniti, mentre gli Stati Uniti applicano una tariffa di circa il 5% alle importazioni dall'UE. In assenza di un accordo di libero scambio, il Regno Unito applicherebbe queste stesse tariffe agli Stati Uniti. Un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti sembra molto improbabile nel 2020, dato che il Regno Unito ha affermato che quest'anno darà la priorità a un accordo con l'UE rispetto agli Stati Uniti.

Nel complesso, le perdite all'esportazione di merci per il Regno Unito (con l'UE e tutti i paesi con cui l'UE ha un accordo di libero scambio) ammonterebbero a oltre 20 miliardi di sterline (o 22 miliardi di EUR) nel 2021 (cfr. Figura 4).

Figura 4 - Perdite di esportazioni annuali previste nel Regno Unito per paese in uno scenario di Hard Brexit, in miliardi di GBP

Per l'UE, l'impatto economico sarebbe più contenuto (circa 16 miliardi di euro per le merci). Al di fuori dell'UE, il Giappone e il Canada figurano tra i primi 15 paesi maggiormente colpiti poiché gli accordi di libero scambio che hanno con l'UE non si applicherebbero più al Regno Unito (cfr. Figura 5).

Figura 5 - Perdite di esportazione annue attese con il Regno Unito data la fine del mercato unico e gli Accordi di Libero Scambio in essere, Mrd di EUR

DICHIARAZIONI PREVISIONALI

Le dichiarazioni contenute nel presente documento possono includere prospettive, dichiarazioni di aspettative future e altre dichiarazioni previsionali che si basano su opinioni e ipotesi attuali del management e comportano rischi noti e sconosciuti ed incertezze. I risultati, le prestazioni o gli eventi effettivi possono differire materialmente da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni previsionali.

Tali deviazioni possono sorgere a causa, a titolo esemplificativo, (i) di cambiamenti delle condizioni economiche generali e della situazione competitiva, in particolare nelle linee di business core e mercati core del Gruppo Allianz, (ii) andamento dei mercati finanziari (in particolare volatilità, liquidità e eventi creditizi del mercato,), (iii) frequenza e severità degli eventi di danno assicurato, anche derivanti da catastrofi naturali, e sviluppo delle spese di gestione, (iv) livelli e tendenze di mortalità e morbilità, (v) livelli di persistenza dei fenomeni osservati, (vi) in particolare nel settore bancario, l'entità delle inadempienze creditizie, (vii) i livelli dei tassi di interesse, (viii) i tassi di cambio tra cui il tasso di cambio EUR / USD, (ix) le modifiche delle leggi e dei regolamenti, comprese le normative fiscali, (x) l'impatto delle acquisizioni, inclusi i relativi problemi di integrazione, misure di riorganizzazione e (xi) fattori competitivi generali, in tutti i casi su base locale, regionale, nazionale e / o globale. Molti di questi fattori possono essere più probabili o più pronunciati a causa delle attività terroristiche e delle loro conseguenze.

 

NESSUN OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO

La società non si assume alcun obbligo di aggiornare le informazioni o dichiarazioni previsionali contenute nel presente documento, salvo eventuali informazioni che devono essere divulgate dalla legge.