Banche Europee: è possibile che 300mld di Euro di NPL riescano a vanificare i tentativi di ripresa in Europa

30 Luglio 2020

Executive Summary

Un accordo faustiano per limitare il danno economico nel breve termine: dall'inizio di Covid-19, i policymaker hanno intrapreso azioni rapide e senza precedenti (tra cui 2,1 miliardi di euro di prestiti garantiti dallo Stato nei soli quattro grandi paesi dell'Eurozona e 1,3 miliardi di euro di prestiti a basso costo della BCE) per rendere più dolce l'accordo nei confronti delle banche, al fine di garantire che esse forniscano un'ancora di salvezza al settore privato rappresentata da liquidità d'emergenza, nonostante l'aumento del rischio di credito. Alle banche è stato assegnato un ruolo chiave nel mitigare lo shock economico di Covid-19 e nel sostenere la ripresa. In realtà, ciò è in netto contrasto con la crisi finanziaria e debitoria dell'Europa di un decennio fa, che ha avuto origine nel settore e ha visto le banche riluttanti ad estendere il credito per proteggere i loro bilanci, il che a sua volta in un circolo vizioso ha aggravato la recessione. Finora le banche hanno resistito abbastanza bene alla tensione iniziale della crisi Covid-19 che, a sua volta, ha facilitato l'accesso al credito per le società non finanziarie.