Cambiano le carte in tavola:     Come il Covid-19 sta sconvolgendo ogni settore industriale

03 Aprile 2020
  • Secondo la nostra analisi, quasi nessuna industria globale sarà risparmiata dall'accelerazione della pandemia Covid-19. Per il primo trimestre del 2020 registriamo un livello record di 126 declassamenti di rischio settoriale, il più alto da quando abbiamo iniziato il monitoraggio nel 2012. Tutti questi declassamenti derivano dagli impatti diretti e indiretti di Covid-19 sulla domanda (5 declassamenti su 10), sulla redditività (4 su 10) e sulla liquidità (1 su 10). In 6 casi su 10, i downgrade passano da un livello di rischio "medio" a un livello di rischio "sensibile".
  • Quali sono i settori globali più a rischio? Trasporti, automotive, elettronica e commercio al dettaglio. I blocchi globali stanno causando danni alle compagnie aeree, con l'indicatore RPK (Revenue Passenger Kilometers) dei principali vettori che ē crollato del -30% dallo scorso dicembre. Il crollo dei prezzi delle azioni sta mettendo a repentaglio anche le compagnie aeree indebitate e non redditizie. Nel frattempo, la pandemia sta aggravando i problemi del settore automotive, già alle prese con sfide strutturali importanti. Il mercato globale sta affrontando un crollo di oltre il 10% nel 2020 (dopo il 4% nel 2019). I concessionari e rivenditori sono in prima linea di fronte a questa crisi, ma i fornitori non ne escono immuni, in particolare se si considerano i rischi delle catene di fornitura cross-country. Il settore dell'elettronica sta invece combattendo un deterioramento della domanda in Europa, con aspettative di vendite alle industrie locali molto più deboli. E all'interno del settore retail, i rivenditori di beni non essenziali dell'Asia-Pacifico sono stati gravemente danneggiati dalla prolungata chiusura dei negozi e dal crollo dei flussi turistici cinesi.
  • L'Europa occidentale e l'Asia sono le aree più colpite. La maggior parte dei declassamenti si è verificata in Europa occidentale (52), la regione con il maggior numero di paesi (17) davanti all'Asia e all'Europa centrale e orientale (29 e 14, rispettivamente). Tuttavia, il Nord America non è immune da tre declassamenti negli Stati Uniti.
  •  Ecco i principali risultati per settore: Il blocco di un terzo della popolazione mondiale sta causando danni ai trasporti, in particolare al segmento del trasporto aereo, per il quale potrebbe essere necessario un sostegno pubblico. Nel settore automobilistico la forte dipendenza dai tre principali mercati sta aggravando le sfide strutturali in corso. L'impatto nel settore dell'elettronica è più sentito nella regione Asia Pacific, con player a basso valore aggiunto a rischio in tutte le regioni. I blocchi colpiranno duramente le vendite nel commercio al dettaglio non alimentare e comprimeranno i margini delle aziende già vulnerabili. Nel settore dell'energia troviamo un rischio significativo per lo shale americano e il solare. Il settore siderurgico è già deboli, con sfide strutturali importanti. La meccanica si trova ad affrontare sfide da un contesto globale fragile in molti mercati finali a causa della debolezza del contesto economico. In Dall'inizio dell'epidemia di Covid-19, i settori globali hanno dovuto affrontare sfide sempre maggiori. La prima è arrivata con le drastiche misure di contenimento della Cina, che hanno fatto chiudere diverse grandi città, innescando un blocco della produzione, della vendita al dettaglio e del commercio nel paese. Anche i viaggi da e per la Cina si sono fermati. Poi, mentre altre economie (Corea del Sud, Italia) hanno iniziato ad attuare misure in stile cinese per contenere lo spread, è seguito un forte aggiustamento degli indici azionari. Ora, con ampie fasce dell'economia globale in fase di blocco, soprattutto in Europa e Nord America, i consumi locali hanno subito un forte colpo, oltre alla produzione e al commercio. Il calo della domanda in queste regioni si ripercuoterà anche sui prodotti (tipicamente beni di consumo durevoli) fabbricati e importati dalle economie emergenti.  Per il primo trimestre del 2020, registriamo un livello record di 126 declassamenti del rischio di settore, il più alto da quando abbiamo iniziato il monitoraggio nel 2012. Tutti questi declassamenti derivano dagli impatti diretti e indiretti di Covid-19 sulla domanda (5 declassamenti su 10), sulla redditività (4 su 10) e sulla liquidità (1 su 10).

 

DICHIARAZIONI PREVISIONALI

Le dichiarazioni contenute nel presente documento possono includere prospettive, dichiarazioni di aspettative future e altre dichiarazioni previsionali che si basano su opinioni e ipotesi attuali della direzione e comportano rischi e incertezze noti e sconosciuti. I risultati, le prestazioni o gli eventi reali possono differire materialmente da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni previsionali.
Tali deviazioni possono sorgere a causa, a titolo esemplificativo, (i) cambiamenti delle condizioni economiche generali e della situazione competitiva, in particolare nei mercati del Gruppo Allianz e non, (ii) andamento dei mercati finanziari (in particolare volatilità del mercato, liquidità ed eventi creditizi ), (iii) frequenza e gravità degli eventi di perdita assicurata, anche derivanti da catastrofi naturali, e sviluppo delle spese di perdita, (iv) livelli e tendenze di mortalità e morbilità, (v) livelli di persistenza dei fenomeni osservati, (vi) entità delle inadempienze creditizie, in particolare nel settore bancario, (vii) livelli dei tassi di interesse, (viii) tassi di cambio tra cui il tasso di cambio Euro / Dollaro, (ix) modifiche delle leggi e dei regolamenti, comprese le normative fiscali, (x) impatto delle acquisizioni, inclusi i relativi problemi di integrazione, comprese le misure di riorganizzazione e (xi) fattori competitivi generali, da considerarsi su base locale, regionale, nazionale e / o globale. Molti di questi fattori possono essere più probabili o avere conseguenze più accentuate a causa delle attività terroristiche e delle loro conseguenze.

NESSUN OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO
La società non assume alcun obbligo di aggiornare le informazioni o dichiarazioni previsionali contenute nel presente documento, fatta eccezione per eventuali informazioni che devono essere divulgate dalla legge.