Il motore della crescita in Germania e Francia perde colpi

3 min

Nell'ultimo trimestre del 2018, le economie tedesche e francese hanno osservato un significativo rallentamento della crescita. Secondo il nostro modello, in Germania, un terzo del calo proviene dall'instabilità politica e un 20% dall'incertezza del commercio - che potrebbe salire vicino al 50% in caso di tensioni commerciali USA-Cina - e un altro terzo dallo shock normativo molto specifico nell'industria automobilistica. In Francia, il 40% dell'aggiustamento al ribasso proviene dal commercio, mentre il 50% dall'incertezza politica relativa al movimento dei gilet gialli.

In prospettiva, entrambi i Paesi hanno tre elementi nella lista di controllo:

Il coefficiente di risparmio delle famiglie è aumentato al di là delle ragioni strutturali (disoccupazione e invecchiamento). Fattori ciclici come gli investimenti residenziali limitati e il consumo di beni durevoli in Germania, l'incertezza politica e la crescita limitata dei salari in Francia peseranno sulle prospettive di consumo del 2019.

Mentre i colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina sono ancora destinati a un lieto fine, l'attenzione sembra essere focalizzata sulle esportazioni di automobili tedesche negli Stati Uniti. Stimiamo il costo di un aumento tariffario del 25% sulle auto europee importate negli Stati Uniti in 7 miliardi di euro di perdite ogni anno per la Germania - 190 milioni di euro per la Francia - e 14 miliardi di euro per l'UE nel suo insieme.

Per calmare le tensioni sociali in Francia e rendere il sistema pensionistico più progressivo in Germania, saranno in gioco stimoli fiscali. In Germania, il surplus fiscale dovrebbe diminuire dal + 1,7% del PIL nel 2018 a circa + 0,8% quest'anno. In Francia, il deficit fiscale aumenterà al -3,2% del PIL nel 2019.

Complessivamente, l’effetto di trascinamento limitato dalla crescita del 2018 (0,0 pb per la Germania, 0,4 pb per la Francia) e aspettative realistiche sui modelli di risparmio, commercio e impulso fiscale hanno portato a revisioni significative delle nostre previsioni di crescita del PIL del 2019: + 1,0% per Germania e + 1,2% per la Francia, prima di una timida ripresa nel 2020: +1,5% in Francia e +1,4% in Germania.