Marocco: alla ricerca dell’amuleto magico per l’export

Dopo aver triplicato il Pil in vent’anni l’economia del Marocco risente del rallentamento della congiuntura

4 min

Il modello di crescita marocchino orientato all'esportazione ha perso slancio nel 2018. La crescita reale del PIL è rallentata al +2,9% dal +4% del 2017, con due importanti componenti di indebolimento della domanda.

In primo luogo, nel quarto trimestre l'andamento delle esportazioni ha continuato a perdere terreno (+4,5% tendenziale annuo in termini di volume), frenando da un +12,7% tendenziale nel quarto trimestre del 2017. In secondo luogo, la crescita degli investimenti si è ridotta a -1% annuo nel quarto trimestre 2018, portando la performance dell'intero anno a +3,5%, rispetto al +6,6% del 2017.

Il venir meno della dinamica del commercio mondiale ha colpito il Marocco in due modi: (i) l'industria automobilistica (il principale settore di esportazione del paese) sta affrontando una domanda globale più bassa; e (ii) i principalpartner commerciali del Marocco stanno subendo un forte rallentamento (ad esempio, si prevede che la crescita dell'Eurozona scenderà a +1,2% nel 2019).

In questo contesto, la crescita del Marocco dovrebbe scendere ulteriormente a +2,5% nel 2019. Le incertezze legate agli sviluppi del commercio globale e alle evoluzioni politiche nell'Eurozona sono già parzialmente incluse in questa previsione. La minore crescita dei redditi dovrebbe inoltre avere un impatto sulla disoccupazione (ancora una volta superiore al 10%) e sulle insolvenze aziendali (+3% nel 2019).