Messico: crescita più bassa, rischi persistenti

La crescita dell'economia messicana si mantiene costante, ma i rapporti con gli Stati Uniti che rappresentano l'80% delle esportazioni restano delicati.

2 min

L'indice di attività mensile è aumentato appena dello 0,1% congiunturale dopo un calo di -0,5% a marzo in termini destagionalizzati, aiutato dal settore secondario (+1,5%) ma penalizzato dall'agricoltura (-2,6%). I servizi sono cresciuti dello 0,3%.

Rispetto ad aprile 2018, l'attività economica è cresciuta del +0,3% annuo dopo la contrazione del -0,6% a marzo. Siamo in un regime di crescita più basso: la crescita media su 12 mesi è scesa a +1,4% dal +2% dello scorso novembre. Il riporto per il 2019 è ora leggermente negativo (-0,03%), il che conforta le nostre previsioni di crescita del PIL di +1% nel 2019 e +1,5% nel 2020 dopo il +2,1% dello scorso anno. Pesa, inoltre, la minaccia delle tariffe americane sulle esportazioni.

Il 22 luglio e poi il 5 settembre l’amministrazione messicana esaminerà i risultati della crescente politica migratoria del Messico.

Il mancato raggiungimento degli obiettivi concordati potrebbe quindi innescare l'imposizione di tariffe, che potrebbero sottrarre -0,6 pp dalla crescita del PIL messicano (con tariffe fino al 10% trattenute fino a novembre) o sprofonderebbe il paese in recessione (con 25% delle tariffe).