Polonia: in vista un ulteriore rallentamento nel 2020

3 min

L'attesa decelerazione della crescita economica della Polonia nel 2019 è stata confermata. Il PIL reale è cresciuto del + 4,0% nel corso dell’anno, in calo dal + 5,1% del 2018 e leggermente al di sotto della previsione di consenso (+ 4,2%), secondo le stime preliminari. I dettagli dal lato della domanda sono ancora solo parzialmente disponibili, ma indicano che la crescita nel 2019 è stata trainata principalmente dalla domanda interna (+ 3,6 punti percentuali), mentre le esportazioni nette hanno contribuito per 0,4 punti percentuali. I consumi privati sono cresciuti del 3,9%, in calo rispetto al + 4,3% nel 2018. Grazie al continuo utilizzo dei finanziamenti UE per progetti approvati, lo scorso anno gli investimenti fissi sono aumentati del 7,8%, leggermente al di sotto del + 8,9% riportato nel 2018. Tuttavia, le scorte hanno sottratto 0,8 punti percentuali alla crescita complessiva del PIL nel 2019, contribuendo in tal modo al rallentamento annuale.

I dati relativi all'intero anno suggeriscono una marcata decelerazione della crescita nell'ultimo trimestre del 2019, completando una costante tendenza al ribasso dei tassi di crescita trimestrali nel corso dell'anno. I dati sul PIL per il 4 ° trimestre non sono ancora stati forniti, ma i dati relativi all'intero anno indicano che la crescita su base annua ha subito una decelerazione marcata a + 2,7% nel 4 ° trimestre da + 3,9% nel 3° trimestre, + 4,6% in secondo trimestre e + 4,8% nel primo trimestre. Questo andamento è affiancato da un rallentamento altrettanto costante della crescita della produzione industriale, che è scesa a un minimo triennale di + 3,0% (dato tendenziale annuo) nel 4 ° trimestre. Inoltre, il PMI manifatturiero è sceso a una media trimestrale di 46,8 punti nel quarto trimestre, ai valori minimi da oltre 10 anni a questa parte.

Per il 2020 prevediamo un ulteriore rallentamento della crescita economica dell'intero anno al + 3,2%, ma con una graduale ripresa da un trimestre all'altro. Guardando i dati mensili, l’indice PMI manifatturiero, comprensivo dei nuovi componenti inclusi i nuovi ordini all’interno e all’export, ha effettivamente raggiunto il minimo nell'ottobre 2019 per poi registrare una leggera ripresa verso la fine dello scorso anno. Di conseguenza, deduciamo che la crescita del PIL reale ha toccato il fondo alla fine dell'anno, e prevediamo una graduale ripresa (dal + 2,7% tendenziale annuo registrato nel quarto trimestre) nel corso del 2020.

Cosa significa questo per le aziende? I dati pubblicati di recente mostrano che il numero di insolvenze societarie si è stabilizzato nel 2019 (977 casi, -1% in meno rispetto ai 988 casi nel 2018), dopo tre anni di marcati aumenti. Ciò riflette, almeno in parte, che il calo dei margini delle aziende non finanziarie si è concluso lo scorso anno. Insieme alle nostre prospettive di crescita economica sopra descritte, prevediamo quindi un altro anno di stabilità nel numero di insolvenze nel 2020.

DICHIARAZIONI PREVISIONALI

Le dichiarazioni contenute nel presente documento possono includere prospettive, dichiarazioni di aspettative future e altre dichiarazioni previsionali che si basano su opinioni e ipotesi attuali del management e comportano rischi noti e sconosciuti ed incertezze. I risultati, le prestazioni o gli eventi effettivi possono differire materialmente da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni previsionali.

Tali deviazioni possono sorgere a causa, a titolo esemplificativo, (i) di cambiamenti delle condizioni economiche generali e della situazione competitiva, in particolare nelle linee di business core e mercati core del Gruppo Allianz, (ii) andamento dei mercati finanziari (in particolare volatilità, liquidità e eventi creditizi del mercato,), (iii) frequenza e severità degli eventi di danno assicurato, anche derivanti da catastrofi naturali, e sviluppo delle spese di gestione, (iv) livelli e tendenze di mortalità e morbilità, (v) livelli di persistenza dei fenomeni osservati, (vi) in particolare nel settore bancario, l'entità delle inadempienze creditizie, (vii) i livelli dei tassi di interesse, (viii) i tassi di cambio tra cui il tasso di cambio EUR / USD, (ix) le modifiche delle leggi e dei regolamenti, comprese le normative fiscali, (x) l'impatto delle acquisizioni, inclusi i relativi problemi di integrazione, misure di riorganizzazione e (xi) fattori competitivi generali, in tutti i casi su base locale, regionale, nazionale e / o globale. Molti di questi fattori possono essere più probabili o più pronunciati a causa delle attività terroristiche e delle loro conseguenze.

 

NESSUN OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO

La società non si assume alcun obbligo di aggiornare le informazioni o dichiarazioni previsionali contenute nel presente documento, salvo eventuali informazioni che devono essere divulgate dalla legge.