Polonia: l'economia rallenta gradualmente, i rischi aziendali aumentano

L'economia polacca è sulla buona strada per registrare una crescita di almeno il 4,5 per cento nel 2019. Il Paese dipende molto dalla vicina Germania, ma si basa anche su un mercato interno dinamico.

2 min

L'economia polacca è sulla buona strada per registrare una crescita di almeno il 4,5 per cento nel 2019. Il Paese dipende molto dalla vicina Germania, ma si basa anche su un mercato interno dinamico.

L'economia polacca è la sesta in termini di PIL nell'Unione Europea e mantiene una crescita superiore alla media dell'area dell'euro. +4,6% la crescita tendenziale del Pil nel primo trimestre 2019 da +4,9% nel quarto trimestre 2018 (+4,6% la crescita complessiva nel 2017). Da un punto di vista congiunturale mentre nel primo trimestre la Germania tornava in positivo (+0,4%), la crescita dell’Est era molto superiore. Per Ungheria, Polonia e Bulgaria rispettivamente +1,5, +1,4 e +1,1%. L’incremento della spesa polacca al consumo è stata moderata al +3,9% tendenziale annuo, ma la spesa pubblica è aumentata del +6,4% grazie agli stimoli fiscali in vista delle elezioni in autunno e gli investimenti fissi sono aumentati del +12,6% nel primo trimestre, grazie al continuo forte utilizzo dei finanziamenti UE per i progetti ammissibili.

Tuttavia, le scorte sono state sottratte di -1,6 punti percentuali dalla crescita del primo trimestre. L'attività del commercio estero si è attenuata nel primo trimestre con il raffreddamento della domanda proveniente dall'Eurozona, con un incremento delle esportazioni del +5,9% tendenziale annuo e delle importazioni del +5%, cosicché le esportazioni nette hanno contribuito alla crescita nel primo trimestre con un +0,7 punti percentuali. In media, le imprese polacche continuano ad affrontare venti contrari. Nonostante il boom economico degli ultimi anni, il rischio di mancato pagamento è aumentato dal 2016, con un aumento medio annuo del +10% nel 2016-2018. Ci aspettiamo un ulteriore aumento del 10% nel 2019, con rischi particolari per i grandi fornitori di aziende polacche.

L’Italia vanta con la Polonia un attivo della bilancia commerciale fortemente condizionato dall’andamento del settore automobilistico. Elevati anche gli scambi nel settore della siderurgia primaria e degli elettrodomestici. La Polonia è diventata infatti negli ultimi anni il maggiore produttore di elettrodomestici bianchi in Europa con la presenza di stabilimenti produttivi dei produttori asiatici.