Romania: nuovo governo in carica

L'economia continua a crescere nonostante alcune criticità

3 min

La Romania ha un nuovo governo dopo che il Parlamento ha approvato un voto di fiducia a favore del nuovo Primo Ministro Ludovic Orban del Partito Liberale Nazionale centrista. Questo ha posto fine ad una crisi politica iniziata in agosto, quando il centro-destra ALDE si è ritirato dalla coalizione di governo di allora con il PSD di centro-sinistra sotto l'ex Primo Ministro Dancila ed è culminata nel caduta del governo in ottobre.

Orban ha annunciato di voler rivedere alcune delle misure fiscali e giudiziarie attuate sotto Dancila, per le quali la Romania era stata criticata dall'UE e aveva preoccupato gli investitori. Tuttavia, governare in un contesto di politiche fiscali espansionistiche non sarà facile, almeno fino alle prossime elezioni parlamentari, previste per la fine del 2020, poiché il governo di minoranza di Orban avrà bisogno del sostegno dei deputati dell'opposizione per far approvare i progetti di legge. Nel frattempo, l'economia continua a indebolirsi a causa della contrazione della produzione industriale di -6,6% tendenziale annuo e delle esportazioni nominali di -2,5% tendenziale annuo in agosto. La crescita del PIL reale è rallentata dal +5% annuo nel primo trimestre al +4,4% nel secondo trimestre e ci aspettiamo un'ulteriore decelerazione, con una crescita annua del +4,2% nel 2019 e del +2,8% nel 2020.