Stati Uniti: occupazione e servizi solidi, industria manifatturiera debole

Segnali in chiaroscuro dall’economia americana

2 min

Il rapporto sull'occupazione di ottobre avrebbe dovuto essere debole a +90.000 posti di lavoro a causa di uno sciopero della General Motors. Invece il rapporto è risultato abbastanza forte, con un guadagno di posti di lavoro pari a +128.000, e brusche revisioni al rialzo di +92.000 rispetto ai due mesi precedenti. Al di fuori dell'industria manifatturiera, i guadagni sono stati diffusi in tutti i settori industriali. La forza lavoro è cresciuta per il sesto mese consecutivo, portando il tasso di partecipazione a crescere di un decimo al 68,3%, il più alto degli ultimi sei anni. L'aumento della partecipazione ha spinto il tasso di disoccupazione fino al 3,6%, appena al di sopra del minimo storico cinquantennale del 3,5% fissato a settembre. L'unico lieve inconveniente della relazione è che la crescita salariale è rimasta invariata al +3% tendenziale annuo. In un rapporto separato, l'indice dei servizi ISM, che copre circa l'85% dell'economia, in ottobre è rimbalzato di +2,1 punti a 54,7, ben oltre i confini espansionistici. Ma l'industria manifatturiera continua a lottare. Nonostante un piccolo guadagno, l'indice manifatturiero ISM rimane in contrazione a 48,3, e nove dei dieci componenti sono in contrazione.