Svizzera: le esportazioni in ripresa sostengono la crescita del PIL nel terzo trimestre

L’economia resiste al rallentamento congiunturale

3 min

Nel terzo trimestre del 2019, la crescita del PIL svizzero ha accelerato fino a +0,4% congiunturale dopo il +0,3% del trimestre precedente. Mentre i consumi privati (+0,2%) e gli investimenti nell'edilizia (+0,2%) hanno registrato una crescita modesta, più dinamici sono stati i consumi pubblici (+0,5%) e gli investimenti in attrezzature (+0,7%). Tuttavia, il principale motore della solida performance del terzo trimestre è stato l'export. Mentre nel complesso il settore delle esportazioni svizzere non è chiaramente immune da continue difficoltà dovute al rallentamento della dinamica globale e all'elevata incertezza commerciale, alcuni settori meno sensibili al ciclo economico - tra cui i prodotti chimici e farmaceutici e le esportazioni di energia - hanno registrato tassi di crescita notevoli e hanno contribuito a sostenere l'industria svizzera. Tuttavia, l'uscita del PIL nel terzo trimestre è probabilmente la situazione tipica di "il massimo che si può ottenere". Andare avanti con questo tasso di espansione del PIL è difficilmente sostenibile, poiché nel 2020 i venti contrari esterni persisteranno, mentre la domanda interna - e in particolare i consumatori - mostrano segnali crescenti di stanchezza.