Tunisia: decennio perduto

La Tunisia cerca di un nuovo leader per uscire dall’impasse economico

2 min

La Tunisia sta entrando in un mese pieno di elezioni (1° turno delle elezioni presidenziali del 15 settembre, elezioni legislative, elezioni presidenziali, ecc. elezioni del 6 ottobre e, se necessario, un secondo turno delle elezioni presidenziali). Il paese ha perso la leadership della sua precedente posizione di principale polo industriale e di esportazione del Nord Africa. Dopo una crescita media annua del +3,6% nel 2001-2010, la produzione manifatturiera è aumentata di appena +0,4% in media annua nel decennio 2011-2019. E nel primo semestre del 2019, la crescita del PIL è stata nuovamente deludente, con un +1,2% tendenziale annuo, il che significa che non vi è stata una crescita pro capite. La Tunisia ha in pratica attraversato una recessione industriale (-0,6% nel primo trimestre, -1,1% nel secondo trimestre), trainata in parte dal rallentamento della crescita delle esportazioni: il valore in dollari delle esportazioni è diminuito del -5% su base annua. Cosa ancora più importante, la Tunisia deve ora far fronte a un elevato livello di debito pubblico (previsto all'82% del PIL nel 2019), un compito difficile in un'economia finanziata in parte da sovvenzioni pubbliche. Una sfida fra le tante, visto che la crescita del PIL dovrebbe continuare a deludere con un +1,2% per tutto il 2019.