L'ironia del super stimolo di Biden: 360 miliardi di dollari per gli esportatori di tutto il mondo

18 Marzo 2021 
Lo stimolo di 1,9 miliardi di dollari negli Stati Uniti porterà a un ulteriore aumento delle importazioni di beni e servizi di 360 miliardi di dollari nel 2021-2022. Il pacchetto di stimoli del presidente Biden ha ottenuto l'approvazione finale del Congresso la scorsa settimana, ed è destinato a creare un effetto di fiducia positivo sulla domanda interna. Stiamo quindi rivedendo al rialzo le nostre proiezioni di crescita del PIL per gli Stati Uniti, al +5,3% annuo nel 2021 (dal +3,6% previsto a dicembre 2020) e al +3,8% nel 2022 (dal +3,1%), dopo una contrazione del -3,5% nel 2020. Ora prevediamo che il tasso di disoccupazione raggiunga il 4,3% a fine 2022 (dal 6,2% di febbraio 2021), il che significa che i risparmi in eccesso delle famiglie accumulati durante la crisi dovrebbero essere rilasciati più velocemente del previsto. Ci aspettiamo che il tasso di risparmio delle famiglie americane raggiunga il 7% del reddito lordo disponibile alla fine del 2022 (rispetto al 20,5% del gennaio 2021). Lo stimolo aumenterà anche la fiducia delle imprese, sostenendo gli investimenti non residenziali. Questo aumento della domanda interna non sarà completamente assorbito dai produttori statunitensi. Prevediamo che il deficit commerciale statunitense si amplierà al 4,5% del PIL in media nel 2021-2022, rispetto al 2,9% in media negli ultimi cinque anni. Più precisamente, stimiamo che un aumento del +1% della domanda interna porti a un aumento del +2,6% delle importazioni negli Stati Uniti.

Il super stimolo del presidente Biden è quindi destinato a sostenere gli esportatori di tutto il mondo. Per settore, i guadagni aggiuntivi nelle esportazioni nel 2021-2022 saranno i più grandi nei prodotti per la casa ( +32 miliardi di dollari), computer e telecomunicazioni (+30 miliardi di dollari), produttori di automobili (+30 miliardi di dollari) e macchinari e attrezzature (+29 miliardi di dollari) - vedi Figura 1. Per Regione, i guadagni nel periodo 2021-2022 saranno maggiori per l'Europa occidentale ( +97 miliardi di dollari), Asia esclusa la Cina (+75 miliardi di dollari), Cina (+60 miliardi di dollari) e America Latina (+59 miliardi di dollari) - vedi Figura 2. Data la struttura dello stimolo statunitense e il percorso di ripresa economica, stimiamo che circa tre quarti della spinta delle esportazioni si farà sentire nel 2021 (e circa un quarto nel 2022).

In termini assoluti, gli esportatori di Cina, Messico e Canada saranno i maggiori beneficiari (vedi Figura 3). La spinta alle esportazioni cinesi verso gli Stati Uniti (+60 miliardi di dollari in totale nel periodo 2021-2022) si concentrerà probabilmente su computer e telecomunicazioni, attrezzature per la casa e prodotti tessili (vedi Figura 4). Ulteriori aumenti delle esportazioni in Messico (+45 miliardi di dollari in totale) saranno relativamente più importanti nel settore automobilistico. In Europa, gli esportatori in Germania sono meglio posizionati per trarre profitto dallo stimolo USA (+22 miliardi di dollari nel 2021-2022), seguiti da Regno Unito (+16 miliardi di dollari), Irlanda (+13 miliardi di dollari) e Francia (+10 miliardi di dollari). In Germania, gli esportatori dei settori macchinari e attrezzature, automobilistico e farmaceutico sono particolarmente esposti.

In termini relativi, la spinta al PIL nel 2021 sarà maggiore per Messico, Vietnam, Irlanda, Canada e Malesia (vedi figura 5). I guadagni aggiuntivi nelle esportazioni di beni e servizi nel 2021 e 2022 grazie al super stimolo degli USA ammontano all'1,7% del PIL 2021-2022 in Messico, all'1,4% in Vietnam e all'1,3% in Irlanda. In Vietnam, gli esportatori di prodotti tessili e di computer e telecomunicazioni in particolare trarranno vantaggio dallo stimolo USA, mentre i prodotti farmaceutici, chimici e i servizi in Irlanda e l'elettronica in Malesia guadagneranno relativamente di più.

Figura 1 - Guadagni delle esportazioni per settore (miliardi di dollari)  
Figure 1 – Export gains by sector (USD bn)
Nota: Definiamo i guadagni delle esportazioni come l'aumento delle esportazioni in termini di valore ( dollari USA) da un anno all'altro.
Fonte: UNCTAD, Euler Hermes, Allianz Research
Figura 2 - Ulteriori aumenti delle esportazioni di beni e servizi nel 2021-2022 grazie allo stimolo USA, per regione* (miliardi di dollari)
Figure 2 – Additional export gains in goods and services in 2021-2022 thanks to US stimulus, by region* (USD bn)
* basato sulla nostra copertura di 70 economie, che rappresentano il 95% del commercio globale.
Fonte: UNCTAD, Euler Hermes, Allianz Research
Figura 3 - Guadagni delle esportazioni di beni e servizi nel 2021-2022, per paese (miliardi di dollari)
Figure 3 – Export gains in goods and services in 2021-2022, by country (USD bn)
Fonte: UNCTAD, Euler Hermes, Allianz Research
Figura 4 - Guadagni aggiuntivi sulle esportazioni di beni e servizi nel 2021-2022 grazie allo stimolo USA per le principali economie beneficiarie (in termini assoluti), per settore (mln di dollari)
Figure 4 – Additional export gains in goods and services in 2021-2022 thanks to US stimulus for top benefitting economies (in absolute terms), by sector (USD mln)
Fonte: UNCTAD, National sources, Euler Hermes, Allianz Research
Figura 5 - Guadagni aggiuntivi delle esportazioni di beni e servizi nel 2021-2022 grazie allo stimolo USA, per paese (% del PIL 2021-2022)
Figure 5 – Additional export gains in goods and services in 2021-2022 thanks to US stimulus, by country (% of 2021-2022 GDP)
Fonte: UNCTAD, National statistics, Euler Hermes, Allianz Research