Il mondo riapre: Attenzione alle false partenze

30 Aprile 2020
  • Economie in un buco nero. Il blocco di oltre la metà della popolazione mondiale ha colpito il mondo come un meteorite, spingendo l'economia globale nella peggiore recessione dai tempi della seconda guerra mondiale: -3,3% del PIL nel 2020, pari a 9 miliardi di dollari persi o al PIL di Germania e Giappone messi insieme, e più del doppio rispetto alla crisi finanziaria globale del 2009. Le perdite commerciali potrebbero ammontare a 3,5 miliardi di dollari nel 2020. Le insolvenze sono destinate ad aumentare del 20% nel 2020. Fino a un terzo dei posti di lavoro rischia di andare perduto.
  • D-day in vista? L'entusiasmo per un'uscita apparentemente imminente dal blocco dei coronavirus è forse eccessivo. Gestire efficacemente il tasso di contagio del virus (R0) significherà che la maggior parte delle economie funzionerà al 70-80% del loro potenziale per due-tre trimestri. I mercati dei capitali potrebbero quindi peggiorare ancora prima di migliorare man mano che la ripresa si consolida. Inoltre, occorre badare a sette fattori che potrebbero innescare una crisi prolungata, invece che uno scenario a forma di U.
  • È necessario e urgente avere a disposizione una cassetta degli attrezzi per una politica flessibile. I disavanzi fiscali a due cifre, l'onere del debito e il gonfiamento dei bilanci delle banche centrali (50% del PIL sia per la Fed che per la BCE) hanno contribuito a mitigare i costi finanziari, economici e sociali della crisi. Tuttavia, ora è il momento di definire una politica per la crisi di solvibilità che ci attende, oltre alla necessità di riparare e recuperare. Abbiamo progettato un menu di opzioni politiche per affrontare le fasi economiche della crisi Covid-19.
  • Le prospettive regionali vedono gli Stati Uniti e l'Europa che delineano percorsi divergenti, la Cina che conferma un rimbalzo molto parziale e i Mercati Emergenti che si apprestano ad affrontare una tempesta perfetta.

DICHIARAZIONI PREVISIONALI

Le dichiarazioni contenute nel presente documento possono includere prospettive, dichiarazioni di aspettative future e altre dichiarazioni previsionali che si basano su opinioni e ipotesi attuali della direzione e comportano rischi e incertezze noti e sconosciuti. I risultati, le prestazioni o gli eventi reali possono differire materialmente da quelli espressi o impliciti in tali dichiarazioni previsionali.
Tali deviazioni possono sorgere a causa, a titolo esemplificativo, (i) cambiamenti delle condizioni economiche generali e della situazione competitiva, in particolare nei mercati del Gruppo Allianz e non, (ii) andamento dei mercati finanziari (in particolare volatilità del mercato, liquidità ed eventi creditizi ), (iii) frequenza e gravità degli eventi di perdita assicurata, anche derivanti da catastrofi naturali, e sviluppo delle spese di perdita, (iv) livelli e tendenze di mortalità e morbilità, (v) livelli di persistenza dei fenomeni osservati, (vi) entità delle inadempienze creditizie, in particolare nel settore bancario, (vii) livelli dei tassi di interesse, (viii) tassi di cambio tra cui il tasso di cambio Euro / Dollaro, (ix) modifiche delle leggi e dei regolamenti, comprese le normative fiscali, (x) impatto delle acquisizioni, inclusi i relativi problemi di integrazione, comprese le misure di riorganizzazione e (xi) fattori competitivi generali, da considerarsi su base locale, regionale, nazionale e / o globale. Molti di questi fattori possono essere più probabili o avere conseguenze più accentuate a causa delle attività terroristiche e delle loro conseguenze.

NESSUN OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO
La società non assume alcun obbligo di aggiornare le informazioni o dichiarazioni previsionali contenute nel presente documento, fatta eccezione per eventuali informazioni che devono essere divulgate dalla legge.