Egitto: salari

Solo tre anni fa l'economia egiziana era in bilico sull'abisso

2 min

In Egitto, le tensioni sociali che sono scoppiate di recente sono legate al basso potere di acquisto della popolazione. Anche nel 2011, l'aumento del prezzo del pane è stato un fattore scatenante della primavera araba. Dopo anni di controlli sui capitali, il governo ha svalutato la lira egiziana del 50% nel novembre 2016 e ha attuato allo stesso tempo un allentamento dei sussidi. Ciò ha comportato un'accelerazione dell'inflazione che ha superato il +30% nel 2017 (+7,5% tendenziale annuo nell'agosto 2019). Il governo ha anche congelato il salario minimo. Queste tre misure politiche hanno contribuito a ridurre il disavanzo commerciale attraverso la sostituzione delle importazioni con le produzioni nazionali. Il tasso di disoccupazione è sceso al 7,5% nel secondo trimestre del 2019 (dal 12,6% nel secondo trimestre del 2016), la crescita annua del PIL ha recuperato a circa il +6%, e le riserve estere hanno raggiunto i 10 mesi di copertura delle importazioni (erano tre mesi prima del 2017). Nell'aprile 2019, il governo ha aumentato il salario minimo del 67%, ponendo fine al congelamento quinquennale. Nonostante ciò, circa tre quarti della popolazione non è soggetta ad alcun salario minimo. Nei prossimi anni sarà fondamentale ampliare gli aumenti salariali a tutta la popolazione per attenuare le tensioni sociali e stabilizzare la crescita.