India: ripresa in vista

Da giovedì 11 aprile fino al 19 maggio oltre 900 milioni di indiani (sul miliardo e trecento milioni di abitanti) sono chiamati alle urne per le elezioni generali tra successi e promesse mancate del premier Modi.

2 min

L'India impiegherà un mese e mezzo per eleggere il premier. Le elezioni del 2019 sono iniziate l'11 aprile ed entro la fine di maggio il paese avrà un nuovo governo. Sondaggi d'opinione presentano il Primo Ministro Modi come favorito, ma si trova ad affrontare la dura opposizione di Rahul Gandhi, l'erede di una stirpe di politici che ha fatto la storia del paese.

Queste elezioni vengono in un momento cruciale per l'India. I dati di gennaio e febbraio 2019 non erano incoraggianti, ma sembra che i dati economici di marzo siano leggermente migliorati. Le esportazioni sono aumentate a marzo (+11,0% tendenziale annuo dopo il +2,4%). Le pressioni deflattive si sono attenuate, con i prezzi all'ingrosso in aumento del +3,2% tendenziale annuo in marzo (dopo il +2,9% precedente). Le condizioni del credito sono migliorate con due tagli ai tassi d'interesse dall'inizio dell'anno.

La politica di bilancio è diventata accomodante in quanto il governo ha annunciato misure quali i trasferimenti diretti e gli sgravi fiscali per le famiglie in anticipo rispetto all'anno precedente. In questo contesto, ci aspettiamo una forte crescita economica per l'esercizio 2019-20 a +7,1%.