Paesi Bassi: resilienza rispetto al rallentamento generale

L'apertura dell'economia olandese si riflette nel suo successo nell'attirare capitali esteri e nell’export

3 min

Il PIL reale è aumentato dello 0,4% congiunturale nel terzo trimestre, in linea con le performance trimestrali precedenti. Tuttavia, la crescita del terzo trimestre è stata trainata principalmente dalle scorte (0,3 punti percentuali) in quanto le esportazioni nette non hanno contribuito ad essa e la domanda interna è stata debole. La crescita della spesa pubblica ha accelerato a +0,5% trimestrale, mentre la crescita della spesa al consumo è rallentata a 0,2% trimestrale e la formazione di capitale fisso lordo è diminuita del -0,2% trimestrale. Le famiglie sono diventate pessimiste nel saldo da febbraio 2019, poiché i prezzi al consumo sono aumentati più del previsto (+2,8% il tendenziale annuo nel terzo trimestre) e più della crescita salariale (+2,4% il tendenziale annuo nel terzo trimestre). Inoltre, la crescita dell'occupazione ha subito un rallentamento e il tasso di disoccupazione è salito al 4,4% a settembre 2019. Il tasso di utilizzo delle capacità produttiva delle imprese è rimasto al di sopra della media a lungo termine, ma il rallentamento del commercio globale ha avuto un impatto sulla fiducia delle imprese e sulle decisioni di investimento. Il settore delle costruzioni ha iniziato un periodo di aggiustamento nel secondo trimestre e gli aumenti dei prezzi delle abitazioni sono rallentati da un picco vicino al +10% tendenziale annuo nel quarto trimestre 2018. Prevediamo un ulteriore rallentamento della crescita del PIL a +1,4% nel 2020 da +1,7% del 2019.