Turchia: volatilità alle stelle sui mercati

Dopo un decennio di crescita continua, anche il PIL della Turchia si è contratto per due trimestri consecutivi (- 1,6 per cento nel terzo e - 2,4 per cento nel quarto trimestre 2018)

4 min

Domenica 31 marzo, la Turchia è chiamata nuovamente alle urne per le elezioni amministrative e la volatilità è alle stelle sui mercati. Le riserve di valuta estera (FX) sono diminuite del 7% nelle prime due settimane di marzo, il calo più ripido dall'apice della crisi valutaria dell'agosto 2018.

La lira turca (TRY) è a nuovi minimi e l'inflazione galoppa. La Lira Turca si è indebolita a 5,85 per 1 USD,  la scorsa settimana prima di stabilirsi a 5,76, il peggior valore di chiusura dallo scorso ottobre. La Banca Centrale Turca ha reagito, ma invece di aumentare il suo principale tasso PcT a una settimana, ha lasciato il tasso invariato al 24%, mentre ha sospeso il suo utilizzo e ha iniziato a finanziare a tassi più elevati. Questo segna un ritorno all'inasprimento monetario "back door" non ortodosso che la BCT aveva abbandonato solo lo scorso giugno - una mossa che non contribuirà a migliorare la fiducia degli investitori. Quest'ultima è stata ulteriormente minata dalle minacce del governo contro i banchieri e gli investitori per presunte ingerenze in valuta estera. La lira turca ha recuperato un po' questa settimana, ma il trading è rimasto altamente volatile, mentre l'indice della Borsa di Istanbul ha continuato a scendere (-7% a marzo) e i rendimenti obbligazionari hanno continuato a salire.

Prevediamo che la volatilità e i rischi rimarranno elevati nelle prossime settimane.